Alessandro Marchi

Scrittore? Non esageriamo

Il cimitero di Montasico

Il cimitero di Montasico nel 2018

«Arrivammo a Pian di Venola in corriera. Scendemmo
e imboccammo a piedi la strada per Montasico. Il cielo
era grande e veloce, dall’aspetto solenne. Uno di quei
cieli che fanno supporre accadranno grandi cose. Invece,
andavamo solo a seppellire tre donne morte da
mesi. Non le avremmo neanche viste, perché erano già
chiuse nelle casse. Per cui, si può dire, stavamo andando
a metter sotto terra tre casse.»

[…]

«Mi misero in mano un santino, dove non riconobbi
la mia sposa. Feci per girarmi, allarmato, quando
Marianna intuì il mio sconcerto e mi prese il polso,
dolcemente. Con pazienza di maestra, mi girò la mano
e mi fece scoprire il volto di Carolina.
Era lì, c’era davvero: era morta e io ero al suo fune –
rale.

Lo sposo infelicissimo
i tre piccoli ignari di tanta sciagura
furono privati della preziosa esistenza
di LOLLI CAROLINA in MARCHI
il 17 ottobre 1944
per lo scoppio di un ordigno bellico
che la rendeva all’ istante cadavere.
Il Dio delle misericordie
conceda la pace dei giusti
alla compianta Scomparsa
la rassegnazione cristiana ai rimasti
confortati dalla speranza di ritrovarla in Cielo.

Montasico, settembre 1945

Il santino del funerale di Carolina


Next Post

Previous Post

Leave a Reply

© 2018 Alessandro Marchi

Theme by Anders Norén